Alle origini di Oxford e della scienza inglese: Roberto Grossatesta e la filosofia della luce

lincoln

La storia del pensiero scientifico inglese comincia con Roberto Grossatesta, rettore dell’università di Oxford, maestro di teologia nello Studium dei Frati Minori di Oxford (1224), ed infine vescovo di Lincoln (1235; nella foto interno della cattedrale di Lincoln: si noti la luce).

A questo autore gli inglesi riconoscono meriti grandissimi nell’impostazione data agli studi oxfordiani (in particolare riguardo a luce ed ottica), tanto che lo storico della scienza inglese, A. Crombie, ne fa un pioniere della scienza sperimentale tout court nel suo “Robert Grosseteste and the Origins of Experimental Science, 1100-1700”.

Leggi tutto “Alle origini di Oxford e della scienza inglese: Roberto Grossatesta e la filosofia della luce”

Il miracolo della vita

Vita

Cosa è la vita? Come mai essa appare così rara, nell’universo sino ad ora esplorato, e così sovrabbondante e varia sulla Terra?

Essa è frutto del caso o di un progetto? Esiste per fortunate coincidenze, o per volere di Qualcuno?

Come può derivare la vita, dalla non vita, la materia organica, dalla materia inorganica? Vi è una differenza ontologica, incolmabile, di qualità, tra ciò che è vivo e ciò che non lo è, Leggi tutto “Il miracolo della vita”

Pascal, Einstein e Lemaître: l’uomo è più grande dell’Universo?

UniversoIl fascino dei cieli è presente anche nell’uomo occidentale di oggi, che il cielo lo vede poco, chiuso com’è tra muri, luci artificiali e mezzi tecnologici. Un tempo, gli antichi mesopotamici scrutavano i cieli, per cercare in essi la divinità, la risposta alle grandi domande esistenziali e per conoscere i ritmi della natura.

Nacque così l’astrologia, in cui l’osservazione degli astri si mescolava con la magia e il fatalismo, producendo così gli oroscopi: il nostro destino è già scritto nelle stelle?
A questa visione si oppose per primo il popolo ebraico, il cui libro sacro insiste sul fatto che la grandezza e la bellezza dei cieli non fa di essi i padroni dell’uomo. I cieli narrano la gloria di Dio, insegna la Bibbia, ma sono creati: grandissimi rispetto all’uomo, un nulla rispetto a Dio.

E’ da questa visione che si sviluppa un’idea fondamentale della filosofia medievale cristiana: l’uomo è dotato di libero arbitrio, non deve cercare nei cieli materiali il perchè delle sue azioni, Leggi tutto “Pascal, Einstein e Lemaître: l’uomo è più grande dell’Universo?”

Le persecuzioni degli scienziati nell’ Urss comunista

huxley

Il biologo neodarwinista Julian Huxley, nel suo “La genetica sovietica e la scienza” (Longanesi, 1952), racconta come i comunisti dell’epoca attaccassero l’astronomia contemporanea, la teoria della relatività, ed “il concetto di un universo finito, ma in corso di espansione”, in quanto “la moderna teoria astronomica è il principale nemico ideologico dell’astronomia materialista”.

Per l’Accademia delle scienze russa la “vera sceinza” era solo quella comunista: Einstein, Bohr ed Heisenberg erano colpevoli di “oscurantismo” e di “metafisica borghese”, mentre la genetica Leggi tutto “Le persecuzioni degli scienziati nell’ Urss comunista”