Friedrich Engels, morte termica ed entropia

 index

Friedrich Engels, l’amico di Karl Marx, riteneva anch’egli di avere “la scienza” dalla sua parte. Per questo leggeva molti libri ed articoli di chimica, fisica, biologia… cercando poi di dare a tutte le scoperte una lettura materialista. A costo di forzature ed incomprensioni marchiane.

Nel suo La dialettica della natura (1883), affermava l’impossibilità della morte termica dell’Universo, di cui a quei tempi si cominciava a discutere, in nome del principio ateistico: poichè l’Universo è tutto ciò che esiste, non può avere nè inizio nè fine.

Leggi tutto “Friedrich Engels, morte termica ed entropia”

George Boole (1815-1864): filosofia e teologia dell’inventore dell’algebra Booleana

boole 

George Boole (1815-1864), definito da Bertrand Russell “il padre della matematica pura”, pioniere della logica matematica, è l’inventore dell’algebra Booleana alla base dell’aritmetica dei moderni calcolatori.

Leggi tutto “George Boole (1815-1864): filosofia e teologia dell’inventore dell’algebra Booleana”

Franco Rasetti: uno scienziato si ribella all’atomica

Cattura

Molti sono gli scienziati che, una volta compresa la possibilità dell’atomica, vi lavorano alacremente: alcuni perché assolutamente indifferenti ed estranei ad ogni considerazione morale, altri perché convinti sia necessario vincere la guerra al più presto e fermare il nazismo (ma anche, in certi casi, spaventare gli ormai ex alleati comunisti). Si è vista la posizione di Lise Meitner, o quella di Leo Szilard e di Max Born; interessante, ma ancora non del tutto chiara, sull’altro fronte, la scelta di alcuni scienziati tedeschi, di non cimentarsi con convinzione nella costruzione di un ordigno nucleare a servizio del proprio paese Leggi tutto “Franco Rasetti: uno scienziato si ribella all’atomica”

Alberto Masani (astrofisico): con l’uomo l’Universo ha raggiunto il suo compimento

masani

Alberto Masani (1915-2005), già docente ordinario di astrofisica all’Università di Torino, direttore dell’Osservatorio Astronomico della città, direttore scientifico del Giornale di Astronomia della Società Astronomica Italiana e pioniere nel campo degli studi sul principio antropico, notava che il principio antropico è estraneo alla cultura greca, mentre “domina la cultura biblica”, in cui la “Terra (e il cielo) viene creata in funzione antropica: dalla polvere del suo suolo viene plasmato l’uomo, elevato alla vita con un soffio vitale”. Masani proseguiva ricordando che “l’idea di creazione, unita alla concezione della natura come libro scritto direttamente dal dito di Dio, spinse ad indagare la natura con un taglio che favorì l’indagine di tipo sperimentale” e concludeva domandandosi se l’uomo costituisce la tappa finale del processo evolutivo o se vi sarà una ulteriore tappa che porterà al superuomo.

Rispondeva lui stesso: “Rispondiamo di no: l’uomo nel suo breve essere terrestre ha raggiunto un dominio tale sulla natura e l’ha talmente trasformata da toglierle ogni ulteriore capacità in tal senso. Ormai sulla Terra non c’è più posto per una eventuale ulteriore creatività intrinseca della natura. Ciò significa allora che l’evoluzione biologica naturale così vigorosamente creatrice per circa 3 miliardi e mezzo di anni oggi si arresta: con l’uomo ha raggiunto il suo compimento in piena sintonia e conferma del principio antropico. D’altronde per un cristiano la Genesi e la venuta di Cristo lo garantiscono; ricordiamo che Dio si riposa dopo aver creato l’uomo” (Alberto Masani, 21mo secolo. Scienza e tecnologia, anno XVI, n. 5, novembre 2005).

Leggi tutto “Alberto Masani (astrofisico): con l’uomo l’Universo ha raggiunto il suo compimento”

Alexander Grothendieck: lo splendore che ci trascende

copertina

Il 13 novembre del 2014 moriva, in un piccolo villaggio dei Pirenei, dove si era ritirato a vita eremitica, Alexander Grothendieck, considerato da molti il più grande matematico del XX secolo e uno dei più grandi di sempre. Il quotidiano Repubblica titolava così all’indomani della morte: L’enigma del più grande matematico del mondo Leggi tutto “Alexander Grothendieck: lo splendore che ci trascende”

I preti astronomi che dimostrarono i moti della Terra

timone

Se c’è un argomento ignorato dai più è quello che riguarda la storia con cui si arrivò a capire che …la Terra si muove.

Il nostro pianeta appariva agli antichi greci, pesante e goffo, rispetto agli altri. Stava al centro, immobile, non per una maggior dignità, ma al contrario, nel sistema aristotelico-tolemaico, per la sua inferiorità rispetto agli altri pianeti, lisci, perfetti, cristallini, luminosi… e in moto, secondo la figura, perfetta, del cerchio.

Leggi tutto “I preti astronomi che dimostrarono i moti della Terra”

Albert Einstein: Bibbia, filosofia greca e valori spirituali

albert_einstein_frasi

Nel 1935, nel corso di una commemorazione di Mosè Maimonide, il pensatore ebreo che in età medievale aveva argomentato a favore dell’accordo tra razionalità ed insegnamenti biblici, e che Spinoza in età moderna eleggerà a proprio principale avversario ideale, Albert Einstein scrive:

Leggi tutto “Albert Einstein: Bibbia, filosofia greca e valori spirituali”

Percorsi di didattica della Fisica

filardi

Percorsi di didattica della fisica è il brillante testo di un insegnante, Tonino Filardi, che ama le sue discipline, il suo mestiere, i suoi ragazzi. E che per questo vuole comunicare, a chi è interessato, riflessioni e percorsi per rendere piacevole ed affascinante uno studio che è, di per sè, anche arduo ed impegnativo. Un inno, insomma, alla Matematica, alla Fisica, e alla loro trasmissione alle nuove generazioni. Nel testo non mancano i riferimenti filosofici. Fin dalle prime pagine l’autore connette la Fisica “con la Filosofia e con i più grandi interrogativi che, da sempre, l’Uomo ha rivolto alla Natura“.

Ed aggiunge che questo può “far capire ai ragazzi che, evidentemente, la Natura non è così indifferente all’Uomo come sembrava all’islandese di Leopardi“.

Leggi tutto “Percorsi di didattica della Fisica”

Piero Benvenuti: la “teoria del tutto” è una sciocchezza

benvenutiDi seguito un brevissimo estratto da un’intervista su La verità del 25 settembre 2016 a Piero Benvenuti, attuale segretario Generale della IAU (International Astronomical Union), già presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, membro del Cda dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana), responsabile scientifico, per conto dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea), dei progetti IUE (International Ultraviolet Explorer), Hubble Space Telescope, AstroVirTel (Telescopio Virtuale) e AVO (Astrophysical Virtual Telescope)

[…]

A parte questo, cosa pensa dell’idea di Hawking, secondo cui arriveremo alla “teoria del tutto”? Leggi tutto “Piero Benvenuti: la “teoria del tutto” è una sciocchezza”