Isaac Newton s-velato

Newton_wide

Isaac Newton divenne, nel “secolo dei lumi”, una sorta di divinità, da celebrare insieme alla potenza della ragione umana. Si creò così un’immagine del grande fisico inglese del tutto lontana dal vero.

Il merito di aver definitivamente aperto la strada alla conoscenza del vero Newton, dedito alla fisica soprattutto per motivi teologici, commentatore assiduo della Bibbia (alla ingenua ricerca della data della Creazione del mondo e della sua fine), attratto dall’esoterismo e dall’alchimia, è del grande economista J.M. Keynes (e del suo ritrovamento).

Leggi tutto “Isaac Newton s-velato”

Anassagora e George Wald (Premio Nobel per la medicina)

anassagora

Per il filosofo greco Anassagora, all’origine dell’ordine dell’Universo non vi è il cieco caso, ma una Mente ordinatrice, una divina Intelligenza (Noûs – νοῦς ). “Se già i Pitagorici avevano colto la razionalità e l’intelleggibilità che caratterizza tutti gli enti, Anassagora completa il ragionamento riconoscendo l’Intelligenza che tutto questo richiede” (Matteo Graziola).

wald

Riguardo alla vita e alla coscienza, il biologo e premio Nobel per la medicina George Wald, nel suo Life and mind in the universe, afferma che la mente, “che non ha luogo”, “più che un fenomeno emergente tardi nell’evoluzione della vita, è sempre esistita come la matrice, la sorgente e la condizione della realtà fisica; ciò significa che la sostanza di cui la realtà fisica.

è composta è sostanza mentale (mind-stuff). E’ la mente che ha composto un universo fisico che genera la vita…”

Di seguito l’abstract dell’articolo pubblicato in International Journal of Quantum Chemistry, Volume 26, Issue Supplement 11, pages 1–15, 12/15 March 1984.

Nell’articolo Leggi tutto “Anassagora e George Wald (Premio Nobel per la medicina)”

Il Principio cosmologico antropico: non l’uomo per l’Universo, ma l’universo per l’Uomo?

costanti

[…] Siamo sempre a Princeton, diventata ormai, dagli anni Trenta, la “città santa” della fisica.

Robert Dicke (1916-1997), collega di Einstein, fisico di primissimo piano cui si debbono svariati contributi in campo scientifico, osserva, nel 1961, che non è l’uomo che si è adattato all’universo, ma l’universo che è adatto all’uomo. E lo è grazie a delle costanti universali variando i cui valori non sarebbe possibile la vita (R.H. Dicke, Dirac’s Cosmology and Mach’s Principle, Nature 192 (1961), pp. 440-441).

Siamo alle prime formulazioni Leggi tutto “Il Principio cosmologico antropico: non l’uomo per l’Universo, ma l’universo per l’Uomo?”

Meno fertili i figli maschi della provetta

catturaE’ LA PRIMA indagine sui figli della procreazione assistita, in particolare sui maschi nati nei primi anni di applicazione della tecnica ICSI, tra il 1992 e il 1996, quando ICSI –l’iniezione intracitoplasmatica degli spermatozoi –  veniva utilizzata soltanto per trattare l’infertilità maschile. Oggi quei bambini sono giovani uomini e uno studio del centro di Genetica Medica dell’università belga di Ziekenhuis, condotto tra marzo 2013 e aprile 2016 e pubblicato oggi su Human Reproduction, ha dimostrato come anche loro abbiano meno spermatozoi, e di qualità peggiore, rispetto ai coetanei nati naturalmente. Come se l’infertilità Leggi tutto “Meno fertili i figli maschi della provetta”

Christof Koch, Dio e l’origine dell’universo

cattura

Christof Koch è un neuroscienziato americano vivente (1) che ha abbandonato la sua fede religiosa dell’infanzia. Nel suo La coscienza. Confessioni di uno scienziato romantico (Le Scienze, Torino, 2014) affronta il “mistero” della nostra esistenza, soffermandosi su ciò che il Big bang sembra suggerire, e affermando, come tanti astrofisici, che è “qui che la fisica incontra la metafisica“. Nascono così le domande su Dio, Leggi tutto “Christof Koch, Dio e l’origine dell’universo”

Il fisico Werner Heisenberg e il filosofo Romano Guardini

gondolin

A 40 anni dalla sua morte, esce una nuova biografia di Werner Heisenberg, premio Nobel per la Fisica e uno dei padri della meccanica quantistica. Vi si analizzano la vita del grande fisico, il suo interesse per la filosofia, i suoi rapporti con il nazismo, e il dilemma morale: biocottare o meno la bomba atomica di Hitler?

Riportiamo un capitolo dal libro di Francesco Agnoli, L’uomo che poteva costruire la bomba: Il fisico Werner Heisenberg poteva boicottare l’atomica di Hitler? (Gondolin, Verona, luglio 2016).

Il Premio Romano Guardini e l’“ordinamento divino del mondo”

In molti, nella Germania del dopoguerra, hanno avuto modo di credere all’azione occulta contro il nazismo di Heisenberg, compresi personaggi che avevano perso i loro cari nel corso delle persecuzioni hitleriane: è anche per questo motivo che nel 1973 lo scienziato tedesco riceve dall’Accademia Cattolica di Baviera il premio “Romano Guardini”.

Leggi tutto “Il fisico Werner Heisenberg e il filosofo Romano Guardini”

Il falso mito dell’abiogenesi (o generazione spontanea)

cattura

L’evoluzione è un fatto riguardo al quale non mancano le interpretazioni, discordanti, quando non opposte. Dio (evoluzione guidata), oppure “caso e necessità”? Solo micro-evoluzione, o anche macro-evoluzione?

C’è però un fatto certo, di cui parlava anche Margherita Hack, nel suo Perchè sono vegetariana: “non sappiamo ancora quale sia stata l’origine della vita sulla Terra”. Perchè vi sia evoluzione, almeno per “partire”, ci vuole la vita, che però risulta essere quanto di meno scontato e di più “improbabile” si possa immaginare. Leggi tutto “Il falso mito dell’abiogenesi (o generazione spontanea)”