Richard Dawkins: non Dio, ma il Caso

richard dawkinsRichard Dawkins è un biologo britannico, membro della Royal Society, nato a Nairobi nel 1941. Il suo testo più famoso è un manuale in favore dell’ateismo, L’illusione di Dio (Mondadori, 2007) in cui Dawkins definisce i credenti in Dio come il male del mondo (ignoranti, cattivi, stupidi…) ma soprattutto affronta la domanda sull’esistenza di Dio.

Tralasciando il problema dell’origine dell’Universo, affronta invece quello dell’origine della vita e dell’origine della coscienza, Leggi tutto “Richard Dawkins: non Dio, ma il Caso”

Ripensare Darwin

cattura

Ripensare Darwin? Così titola il mensile le Scienze del maggio 2015. Le Scienze è una rivista di divulgazione scientifica piuttosto schierata: dalla parte dello scientismo e dell’evoluzionismo materialista. Uno degli ultimi libri allegati, Il significato dell’esistenza umana, porta la firma di Edward Wilson, fondatore della sociobiologia e a suo tempo bersaglio di scienziati del calibro di Richard Lewontin e Stephen Jay Gould. Ovviamente si risolve nell’affermazione categorica secondo cui un vero fine dell’esistenza umana non esiste.

L’articolo in questione, Ripensare Darwin?, parte da una discussione comparsa sulla prestigiosissima rivista Nature, ed è affidato a Telmo Pievani, una sorta di Richard Dawkins nostrano Leggi tutto “Ripensare Darwin”

Teologia della credibilità. La credibilità del cristianesimo

 

copj170.asp

Il testo di Tanzella-Nitti (astronomo e teologo), in particolare la quarta parte, incentrata sul rapporto scienza-fede, è veramente interessante e pure sorprendente, vista la difficoltà di tanti teologi a muoversi tra i paletti e scogli dei dogmi, da una parte, e dei principi scientifici dall’altra.

Innanzitutto la chiarezza nell’impostazione.

Tanzella Nitti (TN) rivendica con forza il ruolo della teologia naturale Leggi tutto “Teologia della credibilità. La credibilità del cristianesimo”

Sant’Agostino, la scienza e il tempo

agostino10

Sant’Agostino è ancora oggi, insieme a Platone, il filosofo più letto al mondo.

Non tutti sanno che a lui ci si richiama anche nel campo scientifico, per svariati motivi. Soprattutto per la sua visione del tempo, che fa sì che vari astrofisici  come Martin Rees o Stephen Hawking… parlino oggi di lui per elogiare la sua intuizione sul tempo (Agostino ritiene che l’eternità non sia un tempo infinitamente lungo, ma assenza di tempo, eterno presente, poichè l’Essere assoluto non invecchia, non diviene, così come non occupa uno spazio. Di conseguenza il tempo è una caratteristica solo dell’Universo materiale, creato ex nihilo: “…il mondo fu fatto non nel tempo, ma simultaneamente al tempo“; “il tempo cominciò ad esistere con il cielo e con la terra…”)*; la sua lotta contro l’astrologia (preludio ad un modo di guardare il cielo e gli astri razionale e non magico); la sua idea di legge naturale; Leggi tutto “Sant’Agostino, la scienza e il tempo”

Il miracolo del linguaggio umano. Parla Andrea Moro

Confini_di_Babele

Andrea Moro è professore ordinario di linguistica generale all’Università di Pavia. E’ visiting professor al MIT e ad Harvard. Scrive sulle più importanti riviste di linguistica e neuroscienze. In questa intervista al Sole 24 ore spiega che:

  1. il linguaggio umano è del tutto diverso da quello degli altri animali e delle scimmie;

Leggi tutto “Il miracolo del linguaggio umano. Parla Andrea Moro”