Steven Nadler spiega Cartesio e il Cogito

nadler-il-filosofo-il-sacerdote-e-il-pittore_referenceSteven Nadler, docente di filosofia presso l’Università del Wiscosin-Madison, ha scritto un bel libro, Il filosofo, il sacerdote e il pittore. Un ritratto di Descartes Einaudi, 2014), in cui propone un ritratto intimo di Cartesio, il filosofo del Cogito, raccontandoci la sua vita nei Paesi Bassi: i suoi gusti, Leggi tutto “Steven Nadler spiega Cartesio e il Cogito”

L’unicità dell’uomo (rispetto agli animali): seppellire, parlare, scegliere, amare

uomo[…]

1) Poiché le esperienze pre-morte (NDE) riguardano appunto il decesso momentaneo, vero o presunto, di creature umane, la prima considerazione da fare è questa: costatare, alla luce della archeologia e della storia, una peculiarità tipicamente umana, cioè l’usanza di seppellire i morti.

Il celebre neuroscienziato Michael S. Gazzaniga, ricorda a tal proposito che i “Neanderthal occasionalmente seppellivano i loro morti, i Cro-Magnon (il primo homo sapiens anatomicamente moderno a essere apparso in Europa, all’incirca quarantamila anni fa) lo facevano in maniera regolare ed elaborata, interrando insieme con essi degli oggetti materiali. Questo indica una credenza in una vita dopo la morte… Una credenza Leggi tutto “L’unicità dell’uomo (rispetto agli animali): seppellire, parlare, scegliere, amare”

La vita di Gregor Mendel, padre della genetica

mendel[…] Ecco, qui, in un hortus di monastero, spinto da un amore millenario per la natura, opera di Dio, dobbiamo metterci per vedere in azione il padre della genetica, Gregor Mendel.
Mendel nasce nel 1822 in Slesia e viene battezzato con il nome di Johann. Suo padre è un contadino intraprendente che in collaborazione con i compaesani e sotto la guida del parroco, J.Schreiber e del naturalista Ch.C.Andrè, ricerca nuovi innesti e nuove ibridazioni per una produzione più ricca. Mendel entra in contatto con un mondo contadino intraprendente e con una Chiesa vicina ai problemi della gente. A trasmettergli la passione per le scienze della natura soprattutto due insegnanti sacerdoti, il già citato Schreiber e Friedrich Franz che “diede al giovane un’impostazione matematica” e “indirizzò il suo futuro”. Nel 1843 viene ammesso come novizio nel monastero agostiniano di san Tommaso, a Brünn (oggi Brno).

Il monastero di san Tommaso, di Brno La libreria del monastero
Ai tempi di Mendel il monastero, che verrà prima avversato dai nazisti, e poi chiuso e danneggiato dai comunisti nel 1950, possiede una libreria di 30.000 volumi, con trattati di Fisica, Meteorologia, Biologia ecc., una immancabile fabbrica di birra, un’aranciera, una serra, un laboratorio e una casetta per l’allevamento delle api. Ha cioè tutte le caratteristiche tipiche della storia monastica. Il superiore di Mendel, l’abate Cyrill Napp è un insegnante di studi biblici e di lingue orientali, Leggi tutto “La vita di Gregor Mendel, padre della genetica”

Erwin Chargaff: la vita, mistero impenetrabile

erwin-chargaff-sourceErwin Chargaff (Czernowitz, 11 agosto 1905 – New York, 20 giugno 2002) è stato un biochimico austriaco, è considerato il padre della biologia molecolare. Chargaff è ricordato per le sue regole che diedero un importante contributo nella determinazione della struttura della molecola di DNA. Chargraff eseguì importanti ricerche sul metabolisimo dei grassi e sul chimismo degli acidi nucleici, in particolare sul DNA. Ricorrendo alla tecnica di cromatografia su carta riuscì a separare la molecola del DNA nelle sue basi costituenti a determinare la loro percentuale di abbondanza relativa. I suoi studi costituirono un passo decisivo verso la conoscenza della struttura del DNA, evidenziata poi in seguito da Watson e Crick.

Di seguito alcuni dei suoi pensieri:

Nato come un ramo della filosofia… lo studio della natura per lungo tempo si mantenne entro i limiti che gli si confacevano”.

La domanda “cosa è la vita?” “è di entità tale e sconfina così sfacciatamente nel campo dell’indicibile, che c’è voluto un incremento di impudenza accumulatosi per vari e vari secoli prima che si potesse anche solo pensare Leggi tutto “Erwin Chargaff: la vita, mistero impenetrabile”